domenica 26 febbraio 2012

il linguaggio nel paleolitico


Per non ripetermi troppo sui mie consueti argomenti, per questo post lascio volentieri la parola a Carol.


Ricerca di Storia: 
il linguaggio nel paleolitico. 

Non conosciamo il linguaggio degli uomini del paleolitico, perché siccome non esisteva ancora la scrittura non possiamo sapere come si esprimevano quei nostri antenati. Però io e papà abbiamo compiuto una ricerca ed abbiamo scoperto quali erano le frasi più usate nel loro linguaggio, e quelle che invece non si potevano esprimere.

Le frasi che il linguaggio del paleolitico non era in grado di esprimere:

Non c'è campo. 
Che numero di scarpe porti? 
Attraversa sulle strisce pedonali. 
Per me pasta al pomodoro. 
Non ti scordare l'ombrello. 
Hai tu le chiavi di casa? 
Ho montato le gomme da neve. 
Aprite il libro a pagina 12. 
È il mio film preferito. 
Che brutta calligrafia! 
Devo studiare storia. 

ma anche Falso come Giuda, Veloce come un razzo (però era in uso veloce come una lepre), …

Le frasi più frequenti nel linguaggio del paleolitico:

Non colpire con la clava il tuo compagno. 
Ci sono dei peli nella mia bistecca. 
Mangiate pure con le mani. 
Tonto come un Dodo 
Papà, mi racconti ancora la fiaba del mammouth? 
Se non fai il bravo ti mangia lo smilodonte. 
Che bei lombi. 

Una barzelletta del paleolitico. Un bambino torna a casa con la pagella scolastica. La mamma guarda la pagella e poi dice: "capisco italiano, il linguaggio è appena stato inventato; capisco matematica, non abbiamo neanche i numeri. Ma storia, storia sono solo quattro stupidaggini!"


2 commenti:

Anonimo ha detto...

Brava Carol! Faccio sempre i complimenti al tuo papà per quello che scrive e per come lo scrive... oggi è giusto farli a te! Proprio carino questo post... bravi tutti e due !

red ha detto...

Mi associo ai complimenti ad entrambi, del resto talis pater...
Piuttosto, mi fate sapere se esisteva un dizionario nel paleolitico? Io penso di sì.
E penso anche che la parola ottuso (sinonimo di tonto) non c'era, mentre già c'erano riconoscenza e amicizia